Nuove features per Intel AppUp! Ora ancora più semplice sviluppare e condividere!

 

 

 

Lo staff Intel AppUp® ha sempre messo al primo posto l'esperienza utente, senza dimenticare al tempo stesso quella dello sviluppatore. Per questo motivo ha dedicato molto tempo ad ascoltare le esigenze e i consigli da parte di tutti i developers intenzionati ad inserire contenuti all'interno dello store dedicato di Intel. Dopo tanto duro lavoro e alcuni mesi di attesa sono finalmente state introdotte alcune funzionalità per semplificare tantissimo alcuni dei passaggi fondamentali all'inserimento di contenuti in AppUp® Center e ridurre tantissimo il quantitativo di tempo richiesto dal processo di sviluppo e submission.

Ora non ci saranno veramente più ostacoli che vi impediranno di condividere, o eventualmente di vendere, il vostro lavoro ad altri possessori di PC. Approfittate e date un'occhiata a queste interessanti novità.

Submission

La prima fondamentale innovazione che gioverà sicuramente a tutti gli sviluppatori è la possibilità di inviare le proprie applicazioni direttamente in file con estensione .exe. Questo va ad aggiungersi all'opportunità già presente di inviare file con estensione .msi, .air, .jar e .rpm. Non è quindi più necessario creare un file autoinstallante, ma sarà, d'ora in poi, preparare alla submission un semplice file eseguibile.

Un secondo importante rilassamento dei requisiti per quanto riguarda la submission dei propri contenuti è rivolta al limite imposto sulla grandezza del file per cui è possiible fare l'upload: il limite passa da 2 GB a ben 10 GB; così facendo sarà possibile ospitare applicazioni che hanno file di installazioni di grandi dimensioni. Dobbiamo infatti ricordare che siamo rivolti ad un futuro in cui vedremo la progressiva scomparsa dei supporti ottici, gli ultrabook ed i futuri tablet sono difatti sprovvisti del lettore cd/dvd. Software house che vogliono distribuire i propri software di grandi dimensioni e non hanno intenzioni di finanziare un'infrastruttura server dedicata al download dei propri prodotti da parte degli utenti, potranno ora utilizzare Intel AppUp®, senza più avere pensieri.

Ulteriori approfondimenti riguardo a questa nuova opportunità sono disponibili a questo link.

Il supporto alla sottomissione dei files eseguibili con estensione .exe comprende sia i file installabili, sia le applicazioni standalone, cioè quelle che non richiedono una vera installazione sul sistema di destinazione, ma per cui solitamente è sufficiente lanciare l'applicazione con un semplice click sul file .exe. Questo potrebbe influenzare di molto l'esperienza utente, quindi prima di valutare quale scelta operativa effettuare vi invito a leggere il seguente articolo.

Una terza innovazione è la possibilità di inviare applicazioni che non hanno necessariamente una installazione silenziosa: la "silent installation" infatti non è più un elemento vincolante e non fa più parte della checklist degli elementi da controllare con attenzione prima di sottomettere l'applicazione per la convalida e la validazione. Ora è possibile avere applicazioni che mostrano, a discrezione dello sviluppatore che l'ha creata, barre di progressione, messaggi di allerta, di avvertimento, riassunti operativi, ed altri elementi per notificare e/o interagire con l'utente installatore.

Questo permette, inoltre, all'utente finale di selezionare particolari opzioni di setup dell'applicazione (es. inserire o non inserire una scorciatoia sul Desktop) o proprie del software (es. abilitazione di proxy per la comunicazione internet) direttamente in fase di installazione sul dispositivo scelto.

Una quarta nuova opportunità, non fondamentale, ma comunque interessante, è rappresentata dalla possibilità da parte della propria applicazione di fare un riavvio del sistema dopo l'installazione, se resa necessaria dallo sviluppatore.

Infine, l'utente finale non sarà più costretto a lanciare l'applicazione da AppUp Center, ma sarà libero di lanciarla in qualsiasi altro modo sia stato reso disponibile dallo sviluppatore: collegamento sul desktop, taskbar item e/o elenco applicazioni nel menu Start. Questo rende accessibile allo sviluppatore nuove opportunità di scelta: come ad esempio utilizzare strumenti gratuiti per la creazione di file .MSI come, ad esempio, Advance Installer o altri. Inoltre sarà possibile realizzare applicazioni che possiedono molteplici shortcuts, cioè applicazioni "bundled" in un unico file binario.

Chiavi

Una fondamentale innovazione introdotta è il supporto completo alle "Application Keys": inizialmente veniva richiesto agli sviluppatori interessati alla protezione della copia della propria applicazione di fare lo strip-off della chiave dal binario. Questo avrebbe potuto creare alcuni problemi, ma da ora è presente la possibilità di avere un framework che gestisce per voi la consegna e l'applicazioni delle chiavi di attivazione.

Dal punto di vista dell'utente il processo è estremamente semplice ed efficace: in fase di acquisto dell'applicazione l'utente sarà in grado di scaricare ed installare normalmente la propria applicazione tramite AppUp®, e contemporaneamente gli verrà recapitata da Intel AppUp® una mail contenente una chiave di utilizzo/attivazione. Una volta terminato il processo di installazione l'utente potrà inserire la chiave di utilizzo direttamente in AppUp® Center per poter lanciare ed utilizzare l'applicazione.

Semplice immagine esplicativa:

Questo permette anche di realizzare un vero e proprio supporto "a termine" per le chiavi, che possono essere usate anche per il controllo delle licenze e i termini temporali di utilizzo (un anno, tre mesi, etc).

Per ulteriori informazioni relative ad "Application Keys" vi invito a leggere il seguente articolo.

Inoltre sono disponibili spiegazioni aggiuntive sul nostro forum inglese articolo.

Queste significative modifiche apportate al programma giungono come un'ulteriore possibilità agli sviluppatori per raggiungere un più ampio bacino di dispositivi e rimuovo alcune barriere. È importante comunque ricordare che alcuni requisiti rimangono immutati: rimane fondamentale fare in signing delle applicazioni con un certificato di autenticazione supportato, e rimane necessario rispettare alcuni importanti requisiti dettati da Intel. A questo scopo consigliamo sempre di visionare le linee guida sulla convalida e la validazione.

Per ulteriori informazioni relative alle linee guida sulla validazione e all'ottenimento di un certificato gratuito potete consultare i seguenti links:
Guida rapida dello sviluppatore Intel AppUp®
Linee guida alla validazione
Come sottomettere un'applicazione

Rimanete sintonizzati sul nostro blog per avere informazioni e notizie riguardo i periodici potenziamenti all'offerta di Intel AppUp®.

Chiavi

有关编译器优化的更完整信息,请参阅优化通知